La Bussola Quotidiana: Interview with Bishop John Broadhurst

8 12 2010

h/t Fr Ivan Aquilina.  We are hoping a reader may wish to provide a translation.  If so, please email it to ordinariateportal [at] gmail.com

«Io, vescovo anglicano divento cattolico»

di Silvia Guzzetti
08-12-2010

È uno dei cinque vescovi che in ottobre si sono dimessi dalla Chiesa anglicana ed è ora in attesa di essere accolto nella Chiesa cattolica. Il vescovo anglicano di Fulham, il reverendo John Broadhurst , è anche uno dei candidati a guidare il nuovo Ordinariato previsto dal Papa per accogliere i fedeli anglicani che intendono “rientrare” nella Chiesa cattolica. E in questa intervista a la Bussola Quotidiana, spiega le ragioni della sua scelta.

Come è arrivato alla decisione di divenire cattolico?

Ho sempre pregato per l’unità della Chiesa di Inghilterra con la Chiesa cattolica, per l’unità tra le due Chiese, ma la Chiesa di Inghilterra si è allontanata dalla Chiesa cattolica e non vi sono segni di unità. C’è stato un momento, quando ero un giovane prete, quando ho pensato addirittura che la riunificazione fosse possibile. Oggi non è più così.

E che cosa l’ha convinta a fare il passo di diventare cattolico?

L’offerta del Papa. Ho sentito che non potevo rifiutare la sua offerta. Quando si fa una domanda e si ha una chiara risposta bisogna seguire quella risposta. L’offerta del Papa dice agli anglicani come me “c’è una casa per voi se la volete” e non penso, se sono corretto, che posso rifiutare questa offerta che è quello che il mio ministero è stato negli ultimi trent’anni. Come vede il Papa? Vedo il Papa come il leader dei cristiani nel mondo. Penso anche che, con la sua offerta, ha dimostrato di capire il dilemma degli anglicani.

Si è letto più volte sui giornali che uno dei problemi più grossi per gli anglicani che vogliono diventare cattolici è la questione economica.

Sì, credo che sia vero. Nessuno sa chi pagherà i sacerdoti anglicani diventati cattolici e dove andranno a vivere.

Nella sua decisione di diventare cattolico che peso ha avuto il fatto che la Chiesa anglicana ha deciso di ordinare le donne vescovo?

È stato uno dei motivi, ma non il più importante. Per me il problema più importante è l’unità tra le due Chiese e mi sono accorto che, con la decisione di ordinare le donne vescovo e altre decisioni, come quella di consentire i matrimoni tra gay, la Chiesa anglicana si stava allontanando da quella cattolica. Quando il Papa è venuto in Inghilterra ha parlato spesso di relativismo. Penso che la Chiesa anglicana sia stata troppo influenzata dalla società secolare e ora non difende più nessuna verità come assoluta e intoccabile. Questo sta succedendo in molte Chiese. Vengono completamente assorbite dalla realtà contemporanea.

Continue reading here.


Actions

Information




%d bloggers like this: